Sostenibilità

La sostenibilità è un elemento chiave della filosofia di Wicona.
Già all’inizio degli anni Novanta erano state definite le linee guida per l’evoluzione delle prestazioni ecologiche nelle finestre; questo ha creato la base per uno sviluppo amichevole verso l’ambiente del design Wicona.
La comunità internazionale ha dichiarato il proprio impegno ai principi della Sostenibilità: lo scopo è raggiungere un’efficienza economica, uno sviluppo sociale ed economico che possa soddisfare i bisogni della generazione odierna senza dimenticarsi delle opportunità delle generazioni future.
L’impegno riflette i recenti sviluppi europei. I maggiori fattori influenti sono:
  • Il protocollo di Kioto per ridurre l’effetto serra
  • La politica dell’EU in materia di prodotto integrato che sottolinea l’importanza dell’impatto nell’ambiente durante il ciclo di vita del prodotto
  • La direttiva europea sui Prodotti da Costruzione che, oltre alla resistenza al fuoco ed alla sicurezza, richiede requisiti minimi relativi alla salute, protezione dell’ambiente, risparmio energetico, isolamento termico e durabilità.
Una standardizzazione europea ed internazionale che, nelle aree edificabili, consideri l’impatto ambientale dei prodotti o edifici con il loro ciclo di vita.
Un edificio “sostenibile” dovrebbe tenere in considerazione tutte la fasi del relativo ciclo di vita: dalla progettazione alla costruzione, dall’utilizzo al suo smantellamento. Esiste un tentativo di ridurre l’utilizzo dell’energia, delle risorse e dell’impatto ambientale.
Perciò, la progettazione dell’edificio e delle infrastrutture tecniche deve assicurare che:
  • siano soddisfatte funzionalità ed estetica
  • siano garantiti salute e comfort
  • i costi di energia, utilizzo e mantenimento siano minimizzati.
A conferma di ciò, un terzo delle emissioni di C02 sono generate dagli impianti legati agli edifici; da qui nasce il nostro impegno, nello studio e nella ricerca di sempre nuove soluzioni. Gli edifici che sono stati progettati per essere sostenibili generano chiaramente costi più bassi. Un minore impatto ambientale generalmente va d’accordo con bassi costi di operatività e personale, ad esempio, per l’energia e la manutenzione.
Quando si costruisce un edificio, solo il 18% dell’energia usata va nell’involucro edilizio; la maggior parte dell’energia va nella struttura di supporto quali i muri interni e soffitti in cemento. Il comfort abitativo è un altro elemento chiave della sostenibilità. Gli edifici devono soddisfare le richieste garantendo il benessere degli utilizzatori Diversi fattori influiscono sul benessere: L’architettura dell’edificio Il design, il materiale e il colore La temperatura dell’ambiente percepita da chi abita L’umidità interna La qualità dell’aria interna ( componenti e contenuti) Circolarità dell’aria Luce naturale e artificiale L’acustica dell’edificio ed emissioni rumorose Una progettazione integrata è necessaria per soddisfare tutte le richieste. L’edificio non deve diventare un concetto fisso. Ogni singolo progetto richiede specifici concetti con differenti soluzioni, alternative e personalizzate. Gli architetti e i progettisti devono lavorare insieme fin dall’inizio perché il risultato sia un edificio economicamente efficiente, con basso impatto ambientale e alto gradimento degli utilizzatori. In aggiunta agli individuali componenti e concetti, l’ottimo controllo della facciata e l’ingegneria domestica è importante per l’efficienza energetica dell’edificio. Differenti sensori tecnologici e soprattutto una buona interazione tra la progettazione della facciata e della infrastruttura sono estremamente promettenti.
I diversi approcci includono:
  • controllo integrato e automatico delle aperture, schermi antiabbaglio e isolamento termico tramite uso di armonici sensori elettrici che regolano la quantità dell’intensità delle radiazioni e della luce, ottimizzando la temperatura dell’aria nei posti di lavoro.
  • controllo automatico ed integrato della ventilazione tramite armonici sensori tecnologici, per regolare il contenuto dell’anidride carbonica, le emissioni rumorose, la temperatura interna e il raffreddamento notturno Una facciata compie una varietà di diverse funzioni.

    In aggiunta al suo significato estetico, essa fa da mediatore tra l’interno e l’esterno dell’edificio. Provvede alla protezione dal freddo, caldo, pioggia e nebbia, etc. e nello stesso tempo, spesso, incontra richieste contradditorie. Per esempio per prevenire il surriscaldamento di una calda giornata estiva dovrebbe far passare poco irraggiamento ma dall’interno viene richiesto di avere più luce possibile.
    Soprattutto la ventilazione può creare una salubre e piacevole atmosfera per gli abitanti ed è un elemento importante nel costruire “sostenibile”.
    Un altro aspetto è il consumo d’energia: in molti casi, la temperatura dell’aria fredda del condizionamento negli edifici dovrebbe aumentare o diminuire la temperatura della stanza. Le possibilità per ottimizzare la ventilazione sono:
    • Concetto di facciata con raffreddamento notturno. - Finestre con speciale ferramenta per un controllo manuale o automatico delle funzioni della ventilazione
    • Geometria della facciata con aperture attrezzate per l’uscita ed entrata dell’aria (ventilazione naturale)……….
    • Congegni di ventilazione decentralizzati della facciata con recupero integrato del calore Come le richieste esterne cambiano nel corso del giorno e dell’anno, la facciata deve essere in grado di rispondere attivamente e con flessibilità.

      Questa funzione rappresenta il ruolo chiave per il consumo energetico e comfort abitativo. Il risultato delle ricerche mostra come la tecnologia esistente può essere usata per ridurre le richieste di energia di un tipico edificio uso uffici del 50% Ciò dipende dall’interazione tra l’involucro edilizio e le infrastrutture tecniche dello stesso.

 

                                          Questo sito utilizza cookie. Continuando a navigare
                                         sul sito l'utente accetta di utilizzare i cookie. Per saperne di più